Il progetto

Humans of ParcoAppennino nel Mondo raccoglie volti e storie da un Appennino in movimento, una comunità diffusa a diverse latitudini che trova le proprie radici fra i monti del Parco dell’Appennino Tosco-Emiliano.

Le Storie raccontano di persone e famiglie che hanno vissuto l’esperienza della migrazione da e verso l’Appennino in qualunque periodo storico.

Cercatori di Storie si occupano di scovare queste persone, pezzi unici di un mosaico che descrive un Appennino insolito.

Un Appennino passato che emerge fra le pieghe della storia, dalle grandi migrazioni avvenute tra fine ‘800 e gli anni ‘80, quando dalla sola provincia di Reggio Emilia sono partiti fra i 100.000 e i 200.000 migranti, in particolare verso le Americhe.

Un Appennino presente, dove si arriva da lontano per costruire un nuovo futuro, o dal quale si parte per ragioni affettive, di crescita formativa, professionale o spinti dalla voglia di cambiamento.


Humans of ParcoAppennino nel Mondo è un’azione di ricerca che si inserisce nel percorso avviato da una decina di anni dal progetto Parco Appennino nel Mondo, promossa dal Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-EmilianoUnione dei Comuni Appennino Reggiano con l’obiettivo di valorizzare e ripristinare i rapporti con coloro che in passato hanno lasciato la propria terra e stimolare interesse e curiosità verso i luoghi d’Appennino da riscoprire e salvaguardare.

Il progetto coinvolge diversi partner a livello locale, nazionale e internazionale e agisce su diversi livelli di appartenenza: il borgo, luogo di legami affettivi; l’Appennino Reggiano, luogo di comunità allargata; l’Appennino nel Mondo, luogo dai mille luoghi, residenza dei cittadini affettivi, nominati ambasciatori del territorio d’origine.

enEnglish